Palco Numero Cinque

News

Palco Numero Cinque intervistati da XTM

Palco Numero Cinque

Intervista ai Palco Numero Cinque, band emergente della provincia bolognese.

2014

di Claudio Prandin

Se potessi rubare cinque minuti a Caterina Caselli le farei ascoltare il disco d’esordio di questi giovani musicisti bolognesi; credo che l’underground italiano sia ricco di proposte valide e di gruppi sconosciuti che sfornano ottima musica e i Palco Numero Cinque fanno sicuramente parte di questo insieme; “Carta Straccia” è un bellissimo disco di Rock all’italiana con spruzzate di pop cantautorale che ammiccano a Lucio Dalla e soprattutto ai Marta sui Tubi.
Gli arrangiamenti sono intelligenti e mai banali incrociando l’eclettica chitarra sempre alla ricerca di nuove sonorità con i loop di tastiera dal sapore vintage, tutto accompagnato da un ottimo lavoro di batteria che colora i brani con precisa follia; e la voce? Bellissima! Peculiare nei suoi acuti e davvero in grado di emozionare; sono sicuro che se passassero in radio canzoni come L’Infrarosso e soprattutto Il Cerchio Quadra diventerebbero le hit del momento. Insomma, un gruppo giovane ma già maturo che si rivela una bellissima sorpresa. Ripeto, consiglio ai produttori più attenti e a tutti quelli che amano la buona musica di ascoltare questo disco. Punto!

Al concerto del 6 Dicembre ho incontrato la band e gli ho posto alcune domande; ecco il resoconto dell’intervista con Federico (basso), Massimo (voce), Claudio detto “Cassa” (tastiere), Catch (chitarra).

Ciao ragazzi; cominciamo dall’inizio, raccontateci la vostra storia:

M: Allora, la formazione iniziale era composta da me e gli attuali chitarrista e batterista; avevamo anche una seconda voce ma questa formazione durò meno di un’estate; eravamo molto giovani ed era dura doverci organizzare per andare a suonare, quindi ci siamo sciolti; ma visto che avevamo voglia di suonare abbiamo cercato e incontrato Federico e Claudio e abbiamo formato un nuovo gruppo; all’inizio abbiamo cominciato con le cover soprattutto per la voglia di suonare; abbiamo cominciato facendo spettacoli alle feste della birra, ai matrimoni e anche alle feste aziendali.

C: Chiaramente le scalette erano “customizzate” a seconda dell’occorrenza; avevamo un archivio folto di brani; molti di noi, soprattutto nel mio caso e in quello del batterista, avevamo esperienza musicali precedenti; ho suonato anche il clarinetto in una banda; personalmente da bambino avrei voluto suonare musica con il computer, ma non avendo un computer, mio papà mi ha iscritto ad un corso di pianoforte e da lì ho cominciato; infine ho incontrato loro e ho davvero trovato la band con cui mi sento bene.

M: Per tornare alla scaletta, avevamo quattro ore di cover e a seconda dell’occasione sceglievamo cosa suonare. Suonavamo anche cover strane; non so in realtà quante band propongono per esempio “Nuvolari” di Lucio Dalla; abbiamo sempre cercato di suonare brani che provenissero dalla musica cantautorale italiana piuttosto che musica da ballo; abbiamo anche cercato di suonare il Rock classico e il rhythm and blues; però più classici d’ascolto che ballabili.

E quando avete cominciato a scrivere inediti?

M: In realtà siamo nati con l’idea di un progetto nostro; è stata l’esigenza di avere una scaletta da proporre all’esterno che ci ha rallentati; anche se tutte le serate che abbiamo fatto ci hanno aiutato ad autofinanziarci e a farci le ossa.

F: Anche se alla fine ci abbiamo preso gusto. Ci divertiva molto suonare e questo è un aspetto importante che ci ha fatto crescere molto; anche se ha rallentato il processo creativo.

M: Sì ci ha rallentato ma non ci siamo mai fissati degli obiettivi temporali; sapevamo che volevamo proporre musica nostra ma senza fretta o data di scadenza; ci siamo presi il nostro tempo, che è stato anche lungo, cinque anni; però circa un anno fa ci siamo resi conto che poteva essere il momento di incidere degli inediti; ci siamo messi sotto ad arrangiare i pezzi nuovi e siamo partiti.

C: Qui abbiamo le due colonne portanti della nostra produzione, il chitarrista per gli arrangiamenti e Massimo per i testi; e questo è doveroso dirlo; partendo dai loro spunti, noi abbiamo poi condito le canzoni.

Ho letto brevemente sul vostro sito il significato del nome; volete spiegarmelo meglio?

M: Il palco numero cinque era un palchetto che all’Opera di Parigi veniva riservato a questo famoso Erik, un fantasma; quando cambiò la gestione del teatro non credevano a questo fantasma che in realtà era un angelo che adorava la musica ed era in grado di dare e prendere talento; questo palco gli era sempre stato riservato e quando hanno provato a toglierglielo e a darlo a qualcun altro si è arrabbiato; diciamo che ci siamo presi questo palco, questo spazio per poter vivere la musica dal nostro punto di vista, per quello che è riservato a noi.

E’ stata ispirata dal libro o da uno dei tanti film successivi?

Catch: Sarebbe bello dire che è nato dagli Iron Maiden ma non è vero (ride) (NdI: si riferisce alla canzone “Phantom of the Opera” tratto dal primo disco della band inglese)

M: No, in quel periodo in cui cercavamo il nome, avevo appena finito di leggere il libro di Leroux e questa proposta ci piacque e abbiamo deciso di adottarla.

Mi fa piacere che sia nato da una citazione colta; vi piace leggere, amate il cinema o il teatro?

M: Sarà scontato ma la mia opera preferita è “Il Ritratto di Dorian Gray”, è l’unico libro che secondo me raggiunge la perfezione estetica; anche se uno scrittore preferito non ce l’ho.

C: Per me la musica è stata l’ispiratrice principale; per quanto riguarda il cinema mi hanno appassionato le colonne sonore dei film di Kubrick; quella di “2001 Odissea nello spazio” mi ha sempre appassionato. L’estetica applicata al cinema che lui riusciva a dare mi ha sempre conquistato; associare delle colonne sonore così particolari alla fase di montaggio mi ha sempre colpito; ecco perché ascolto spesso le opere di Morricone o di Williams; il mio film preferito infatti è ET (NdI: la cui colonna sonora è appunto composta da John Williams) perché mi ha sempre aiutato a capire la musica; la parte visiva mi fa penetrare nella storia e la musica ne diventa il tessuto, il legame principale; è una delle potenze della musica.

Catch: Il film che mi ha cambiato la vita invece è stato “Quadrophenia” degli WHO. La storia di questo ragazzo che insegue un sogno ma si rende conto che questo sogno è fittizio, povero di ideali; e questo mi ha particolarmente segnato.

Oltre al disco, è molto bella anche la copertina; come l’avete concepita?

M: Per la copertina abbiamo contattato diversi studi grafici per scegliere quello che meglio capiva le nostre idee; avevo questa idea di fare una copertina che condensasse le figure usate nelle nostre canzoni e che avesse uno sfondo opaco, vintage, satinato; poi ci piaceva l’idea della carta: volevamo stamparla su cartoncino; anche per riprendere il titolo del disco, “Carta Straccia”; ci siamo incontrati in un caffè con i due ragazzi dello studio “AAArte grafica” e abbiamo avuto una chiacchierata di una mezz’oretta; dopo una settimana ci hanno presentato tre progetti sulle nostre idee e tutti e tre avevano centrato perfettamente le idee che volevamo veicolare; tra queste abbiamo scelto la copertina che onestamente ci piace molto.

Per concludere, parlateci dei vostri progetti presenti e futuri:

C: Guarda, il mio motto è “No illusioni, no preclusioni”.

F: A parte questo suo motto, adesso vogliamo goderci questo primo disco, promuoverlo e suonarlo; comunque questo album è un piccolo traguardo dopo tanti anni di cover ma è anche un punto di partenza verso il secondo album; però adesso lasciateci godere questo primo disco. Almeno fino alla fine dell’estate cercheremo di suonarlo più che possiamo.
Articolo del  11/12/2014 –  ©2002 – 2014 Extra! Music Magazine – Tutti i diritti riservati

 

http://www.xtm.it/DettaglioIntervisteMonografie.aspx?ID=16107#sthash.2RfLik3r.VxaXq3HT.dpbs